Comune di Oliveto Citra

Il fagiolo occhio nero di Oliveto Citra

Il fagiolo occhio nero, detto anche fagiolo “occhietiello”, è una tipica coltura dell'Italia meridionale, in particolare della zona dell'alto e medio Sele in Campania. 

Oliveto Citra da sempre vanta una coltivazione intensiva di questo particolare prodotto.

Il fagiolo occhio nero di Oliveto Citra è un legume di granella tra i più rinomati. Il seme di colore bianco è caratteristico per l'evidente macchia scura che circonda l’ilo. Da sempre alla base dell’alimentazione contadina, è utilizzato nella preparazione di tanti piatti tipici locali tra cui primeggiano le zuppe condite con olio extravergine crudo. E' un prodotto che si presta, più di altre varietà, a cotture brevi e quindi è in grado di mantenere inalterate tutte le sue proprietà organolettiche che vengono esaltate dalla buccia molto sottile facilitando la cottura e rendendolo più digeribile rispetto agli altri fagioli.

Per chi ama cucinare ecco le due ricette tipiche del fagiolo occhio nero. Se, invece, vi piace solo mangiare appuntamento ad Oliveto Citra.

FAGIOLI AL TRAPPETARA
Ingredienti per n° 4 persone:
600 g di fagioli occhio nero
2-3 spicchi d’aglio
prezzemolo quanto basta
olio extravergine di oliva a volontà.

Preparazione:
fate cuocere i fagioli in una pentola di coccio e a cottura ultimata versateli in una terrina, aggiungete il prezzemolo fresco (tagliato a piccoli pezzetti) e gli spicchi d’aglio schiacciati con una leggera pressione della mano, versate sopra
olio extravergine di oliva, mescolate il tutto con un mestolo e infine serviteli in tavola.

LAGANE E FAGIOLI
Ingredienti per n° 4 persone
200 g di fagioli occhio nero
400 g di farina
2-3 spicchi d’aglio
prezzemolo quanto basta
olio extravergine di oliva.

Preparazione:
preparate un impasto di acqua e farina sulla spianatoia, stendetelo
con il matterello in una sfoglia sottile e tagliatela a strisce di circa
2-3 cm (comunemente chiamate lagane). Le lagane vanno lessate in
abbondante acqua e sale ed al giusto grado di cottura si scola l’acqua,
si aggiungono i fagioli, precedentemente cotti, il prezzemolo, l’olio extra vergine d’oliva e gli spicchi d’aglio soffritti a parte in un padellina.

Scarica la guida del fagiolo occhio nero